Eventi

ARCHIVIO EVENTI 2013

RELAZIONI A CONVEGNI

Forum su inclusione sociale

Il 12 dicembre 2013 alle ore 17.00 presso il Teatro del Fuoco di Foggia si svolgerà il forum sull’inclusione sociale delle persone con disabilità  in una prospettiva prosociale, organizzato dall’AS.SO.RI. Onlus  in attuazione del programma delle attività culturali della Regione Puglia per l’anno 2013-DGR n. 1862/2012.

Sono invitati ad intervenire  il Prof. Carlo Ricci, direttore Scientifico dell’Istituto Walden, Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale e laboratorio di Scienze Comportamentali, con sede a Roma e Bari; il prof. Maurizio Ricci Rettore Università di Foggia; l’ ing. Attilio Manfrini direttore Generale della ASL di Foggia; il dr. Rosario Pacilli direttore sanitario ASL di Foggia; il dr. Antonio Mantova, responsabile Centro Risorse per la lotta alla dispersione scolastica IIS “Einaudi Grieco”; il dr.Giuseppe De Sabato dirigente Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia,; la dr.ssa Maria Elena Mastrangelo psicoterapeuta, responsabile della Formazione ed Inclusione Sociale della Fondazione ASSORI Onlus, la dr.ssa Grazia Lombardi dottore di ricerca internazionale in cultura,disabilità ed inclusione; la psicoterapeuta  Alberta Romeo, supervisore ABA; la dr.ssa Mariolina Goduti, dirigente scolastico VI circolo “Pascoli-S.Chiara” Foggia; il dr.Paolo Lucattini presidente APS All Stars Arezzo Social, e il dr. Gianni Caione  responsabile disabilità e inclusione sociale UISP Lecce.

BlockMagic: Enhancing Traditional Didactic Materials with Smart Objects Technology

Praga, 17-18 ottobre 2013

Con Orazio Miglino (ISTC-CNR Roma e Università Federico II di Napoli), Raffaele Di Fuccio (ISTC-CNR Roma), Andrea Di Ferdinando (ISTC-CNR Roma e Aidvanced di Roma), Mario Barajas (Università Autonoma di Barcellona), Anna Trifonova (Università di Dresda), Patrizia Ceccarani, (Lega del Filo d’Oro di Osimo),  and Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma)

Sito della conferenza

Simposio su: Ambienti ludici, educativi e riabilitativi basati sul paradigma dell’Internet of Things (IOT)

Napoli (Università Federico II), 21 novembre 2013

Il paradigma dell’Internet of Things (IOT) si riferisce alla possibilità di marcare (taggare) ambienti e oggetti della vita quotidiana in modo da essere rilevati (tracciati) da un apposito dispositivo.  L’utente ne entra in contatto, ne riceve un feedback tramite uno o più dispositivi (PC, Tablet, Smartphone, Robot, ecc.). Il simposio presenterà alcune applicazioni sviluppate con STELT (Smart Technologies to Enhance Learning and Teaching) una piattaforma che permette la realizzazione di ambienti IOT basati su tecnologia RFID-NFC e su sistemi di Adaptive Artificial Tutoring. In particolare saranno mostrati e discussi: a) Block-Magic, una versione tecnologicamente arricchita di alcuni materiali didattici (Blocchi Logici e Regoli) correntemente usati  nella scuola dell’infanzia e della scuola primaria; b) Walden PECS Communicator (WPC): un sistema per facilitare e supportare la comunicazione in persone con disabilità intellettiva grave,  disturbi dello spettro autistico con importanti compromissioni delle abilità linguistiche espressive (bambini cosiddetti non-verbali). Il WPC insegna a comunicare in maniera funzionale attraverso lo scambio di immagini; c) Roboprof: un sistema per sviluppare delle attività ludiche-educative da allestire in piccoli e grandi spazi (science center, ludoteche, musei, ecc.). Inoltre si presenteranno le direzioni di sviluppo futuro della piattaforma che saranno oggetto di ricerca nell’ambito del progetto ENACT recentemente finanziato dalla comunità europea.
Orazio Miglino (Laboratorio per lo Studio dei sistemi cognitivi artificiali e naturali – Università di Napoli Federico II) – Block Magic: ritornare a Montessori con l’aiuto delle nuove tecnologie

Carlo Ricci  (Università Pontificia Salesiana e Walden Technology di Roma) – Walden PECS Communicator: abbassare le barriere comunicative con gli “smart objects”

Angelo Rega (Laboratorio per lo Studio dei sistemi cognitivi artificiali e naturali – Università di Napoli Federico II) – RoboProf: giocattoli, quadri e statue ci parlano

Andrea Di Ferdinando (Aidvanced di Roma) – Direzioni future. Implementazioni delle funzioni di Adaptive Tutoring nell’ambito del progetto europeo ENACT

V Congresso Nazionale CKBG – Tecnologia e Leggerezza:  ovvero come rimuovere peso dagli individui, organizzazioni, comunità, città

Università di Pavia, 29-31 Gennaio 2014

Carlo Ricci  (Walden Technology di Roma) – Walden PECS Communicator: abbassare le barriere comunicative con gli “smart objects”

WORKSHOP

Programmi di intervento precoce ABA-VB nello spettro autistico supportati da tecnologie assistive – Convegno sulla Qualità dell’Integrazione Scolastica e Sociale dell’Edizioni Centro Studi Erickson

Rimini, 9 novembre 2013

Con Carlo Ricci, Aberta Romeo, Anna Sangiorgi (Istituto Walden ) e Mauro M. Coppa (Lega del Filo d’Oro)

Il workshop propone alcune esperienze di applicazione di programmi intensivi e precoci ABA-VB nello spettro autistico, facendo anche ricorso all’uso di tecnologie assistive. Verranno presentati studi di caso nei quali sono state implementate nuove tecnologie che favoriscono lo scambio comunicativo tra il bambino e i partner mediante PECS in grado di generare dei VOCA; degli studi nei quali vengono implementate tecnologie che fanno esercitare il bambino in modo del tutto autonomo attraverso prove di appaiamento, manipolando oggetti reali ma ricevendo il feedback da un sistema artificiale, e studi che documentano l’incremento di comportamenti costruttivi incompatibili con le stereotipe favoriti da sollecitazioni ambientali provocate in maniera autonoma e indipendente dal bambino.

In sede di workshop, grazie alla collaborazione della Walden Technology, sarà possibile visionare le attrezzature tecnologiche utilizzate negli studi.

Interventi psicoeducativi nelle pluridisabilità gravi – Convegno sulla Qualità dell’Integrazione Scolastica e Sociale dell’Edizioni Centro Studi Erickson

Rimini, 9 novembre 2013

Con Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma), Patrizia Ceccarani et Al (Lega del Filo d’Oro di Osimo)

Il concetto di riabilitazione si fonde con quello di educazione, soprattutto in riferimento al contesto delle disabilità gravi. In questa prospettiva le principali competenze di chi opera quotidianamente a fianco della persona con disabilità implicano: saper definire in termini operazionali un obiettivo, individuare i compiti che lo costituiscono, elaborare un programma di intervento, valutare l’efficacia in termini di prestazioni osservabili, comunicabili e replicabili. Nel workshop verranno presentate alcune buone pratiche, facilmente esportabili nei contesti di vita quotidiana della persona con disabilità gravi nell’area degli apprendimenti (cognitiva), nel miglioramento dei sistemi di comunicazione, nei programmi di transizione scuola-lavoro.

SEMINARI

Intervenciò clinica en la discapacitat i sistemes relacionals en l’escola inclusiva

Università Autonoma di Barcellona, 16 e 17 settembre 2013

Con Rosa Ferri, Viviana Langher (Università degli studi “La Sapienza” di Roma) e Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma)

Emozioni e Apprendimento Scolastico

Università Pontificia Salesiana di Roma, 25 ottobre 2013

Con Pio Ricci Bitti (Università di Bologna), M.Mauro Coppa (Lega del Filo d’Oro) e Carlo Ricci (Istituto Walden di Roma)

CONVEGNI DI STUDI

BlockMagic: Enhancing Traditional Didactic Materials with Smart Objects Technology

Università Pontificia Salesiana di Roma, 30 Novembre 2013

Carlo Ricci (Istituto Walden), Orazio Miglino (ISTC-CNR Roma e Università Federico II di Napoli), Raffaele Di Fuccio (ISTC-CNR Roma), Andrea Di Ferdinando (ISTC-CNR Roma e Aidvanced di Roma), Mario Barajas (Università Autonoma di Barcellona), Anna Trifonova (Università di Dresda), Patrizia Ceccarani, (Lega del Filo d’Oro di Osimo), Alberta Romeo (Waden Technology di Roma), Zbigniew Formella (Università Pontificia Salesiana di Roma)

CORSI DI FORMAZIONE

 Formazione di Base per Tecnico ABA-VB a Potenza

Potenza 4/5/6/7 novembre 2013

Delia Bellifemine (Istituto Walden), Alberta Romeo (Walden Technology di Roma)


Ott
2
mar
2018
(FOGGIA) MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ (FG) Associazione Il Girasole
Ott 2–Ott 5 giorno intero
(FOGGIA) MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ (FG) Associazione Il Girasole | Foggia | Puglia | Italia

FOGGIA dal 2 al 5 ottobre 2018

*In collaborazione con l’Associazione Il Girasole

INFO SUL MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICO ABA-VB

Finalità

Al termine del percorso formativo il partecipante sarà in grado di:

a) Conoscere i sistemi di assessment funzionale più progrediti;
b) Conoscere le basi teoriche della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA);
c) Conoscere i programmi d’intervento nelle principali aree di sviluppo;
d) Conoscere l’Assistive Technology e i suoi ambiti di applicazione;
e) Saper intervenire sui problemi gravi di comportamento;
f) Saper condurre sessioni di intervento sulle principali aree di sviluppo;

Contenuti

Il programma si articola nelle seguenti unità di insegnamento-apprendimento così organizzate:

Buone prassi del tecnico ABA-VB

L’assessment Funzionale:
– l’analisi funzionale sperimentale e analoga
– l’analisi funzionale indiretta

Training di comunicazione funzionale

Verbal Behavior
– i principali operanti verbali, gli operanti misti
– curricula verbale
– transfer stimuli

I sistemi di Comunicazione Alternativa e Aumentativa:
– I PECS
– Segni
– Assistive Technology
– il Walden PECS Communicator

Area dello sviluppo cognitivo
– associazione
– apprendimento dei concetti
– abilità cognitive complesse

Area dell’Autonomia
– toilet training
– vestirsi, ecc.

Abilità sociali

La relazione scuola famiglia

Attestato di partecipazione

Ai fini dell’attestazione di frequenza dovranno essere svolte tutte le ore. Il partecipante dovrà porre la sua firma in ingresso e in uscita per ogni unità di insegnamento- apprendimento, al termine verrà rilasciato un attestato di frequenza. Tale attestato è il titolo necessario ma non sufficiente per chiedere di sostenere un esame che accerti le competenze acquisite per svolgere funzioni e compiti di Tecnico ABA. Il secondo requisito è quello di svolgere almeno 200 ore di pratica per ogni bambino e con non meno di due diversi bambini.

METODOLOGIA DIDATTICA

La didattica sarà di tipo partecipativo: verranno alternati momenti di relazione-dibattito con esercitazioni pratiche (carta – matita), simulazioni e presentazioni di video.

QUOTA E MODULO DI ISCRIZIONE

La quota d’iscrizione è di € 780,00 IVA inclusa (640,00 euro + IVA).

Promo – 25%

Se hai frequentato il “MODULO 1 (ex base) del Corso per Tecnici ABA-VB” la quota d’iscrizione è di € 585,00 euro IVA inclusa (€ 479,51+ IVA).

MODULO SU CORSIPERTECNICOABA.IT

Dic
27
gio
2018
(ROMA) MODULO 1 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ Istituto Walden
Dic 27–Dic 30 giorno intero
(ROMA) MODULO 1 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ Istituto Walden | Roma | Lazio | Italia

ROMA dal 27 al 30 dicembre 2018

INFO SUL MODULO 1 DEL CORSO PER TECNICO ABA-VB

Finalità

Al termine del percorso formativo il partecipante sarà in grado di:

a) Conoscere i sistemi di classificazione internazionale delle varie forme di Autismo (DPS, DGS, sindrome di Asperger, ecc);
b) Conoscere le basi teoriche dell’Analisi del Comportamento (Applied Behavior Analysis);
c) Conoscere i sistemi di osservazione diretta e indiretta del comportamento;
d) Conoscere l’analisi funzionale del comportamento;
e) Conoscere le principali tecniche di modificazione del comportamento;
f) Conoscere i principali sistemi di valutazione dell’efficacia del trattamento;
g) Saper definire i problemi in termini comportamentali (operazionali);
h) Saper condurre sessioni di osservazione diretta del comportamento;
i) Saper condurre un’analisi funzionale del comportamento;
j) Saper applicare sotto supervisione le principali tecniche di modificazione del comportamento.
k) conoscere il codice di condotta del Tecnico ABA

Contenuti

Il programma si articola nelle seguenti unità di insegnamento-apprendimento così organizzate:

Il disturbo dello Spettro Autistico – definizioni e sistemi di classificazione internazionali
– i principali sistemi diagnostici
– le caratteristiche delle forme di autismo
– i fattori di insorgenza e comorbilità

Le basi teoriche dell’ABA
– la scienza del comportamento: le prime esperienze nel disturbo dello spettro autistico

La valutazione del comportamento – sistemi di assessment
– definire il comportamento
– classificare il comportamento
– l’analisi funzionale descrittiva del comportamento
– tecniche per decrementare i comportamenti inadeguati (estinzione, il costo della risposta, time out, ipercorrezione, etc.)

Tecniche per incrementare comportamenti adeguati
– i programmi di rinforzo
– tecniche di prompt, di fading e chaining
– tecniche per insegnare ex novo
– task analysis, shaping, modeling, strategie di induzione

I programmi di Intervento Precoce
– il modello Discrete Trial Teaching
– il Natural Environment Teaching

Esperienza Pratica Supervisionata

In seguito al consenso accordato, i partecipanti saranno inseriti in una directory dell’Istituto Walden con specificato il luogo di residenza di ciascuno. Pur non potendo fornire una garanzia certa, qualora ci siano le richieste da parte delle famiglie presenti sul territorio, l’Istituto attingerà a questo elenco nell’individuare l’operatore da inserire nello Staff con la famiglia. Tali operatori collocati in una o più famiglie riceveranno, senza alcun onere, una formazione in situazione attraverso una periodica supervisione da parte di psicoterapeuti dall’Istituto Walden o da questi accreditati e una retribuzione concordata con la famiglia per il lavoro che svolgeranno nel loro domicilio. In alternativa il tecnico in formazione potrà svolgere l’esperienza pratica guidata presso famiglie seguite da Supervisori ABA non afferenti al nostro Istituto, inoltre saranno riconosciute anche esperienze pratiche in centri e strutture nelle quali si svolgono interventi con bambini con spettro autistico.

30 ore di formazione teorico-pratica

Riconosciuti da AssoTABA – www.assotaba.it

REQUISITI PER L’ACCESSO

Sono ammessi al corso coloro che sono in possesso di una formazione universitaria almeno triennale in ambito sanitario, educativo o equipollenti.

METODOLOGIA DIDATTICA

La didattica sarà di tipo partecipativo: verranno alternati momenti di relazione-dibattito con esercitazioni pratiche (carta – matita), simulazioni e presentazioni di video.

QUOTA E MODULO DI ISCRIZIONE

La quota d’iscrizione è di € 585,00 (€ 479,51 + IVA).

MODULO DI ISCRIZIONE SU CORSIPERTECNICOABA.IT

Gen
2
mer
2019
(ROMA) MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ Istituto Walden
Gen 2–Gen 5 giorno intero
(ROMA) MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ Istituto Walden | Roma | Lazio | Italia

ROMA dal 2 al 5 gennaio 2019

INFO SUL MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICO ABA-VB

Finalità

Al termine del percorso formativo il partecipante sarà in grado di:

a) Conoscere i sistemi di assessment funzionale più progrediti;
b) Conoscere le basi teoriche della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA);
c) Conoscere i programmi d’intervento nelle principali aree di sviluppo;
d) Conoscere l’Assistive Technology e i suoi ambiti di applicazione;
e) Saper intervenire sui problemi gravi di comportamento;
f) Saper condurre sessioni di intervento sulle principali aree di sviluppo;

Contenuti

Il programma si articola nelle seguenti unità di insegnamento-apprendimento così organizzate:

Buone prassi del tecnico ABA-VB

L’assessment Funzionale:
– l’analisi funzionale sperimentale e analoga
– l’analisi funzionale indiretta

Training di comunicazione funzionale

Verbal Behavior
– i principali operanti verbali, gli operanti misti
– curricula verbale
– transfer stimuli

I sistemi di Comunicazione Alternativa e Aumentativa:
– I PECS
– Segni
– Assistive Technology
– il Walden PECS Communicator

Area dello sviluppo cognitivo
– associazione
– apprendimento dei concetti
– abilità cognitive complesse

Area dell’Autonomia
– toilet training
– vestirsi, ecc.

Abilità sociali

La relazione scuola famiglia

Attestato di partecipazione

Ai fini dell’attestazione di frequenza dovranno essere svolte tutte le ore. Il partecipante dovrà porre la sua firma in ingresso e in uscita per ogni unità di insegnamento- apprendimento, al termine verrà rilasciato un attestato di frequenza. Tale attestato è il titolo necessario ma non sufficiente per chiedere di sostenere un esame che accerti le competenze acquisite per svolgere funzioni e compiti di Tecnico ABA. Il secondo requisito è quello di svolgere almeno 200 ore di pratica per ogni bambino e con non meno di due diversi bambini.

METODOLOGIA DIDATTICA

La didattica sarà di tipo partecipativo: verranno alternati momenti di relazione-dibattito con esercitazioni pratiche (carta – matita), simulazioni e presentazioni di video.

QUOTA E MODULO DI ISCRIZIONE

La quota d’iscrizione è di € 780,00 IVA inclusa (640,00 euro + IVA).

Promo – 25%

Se hai frequentato il “MODULO 1 (ex base) del Corso per Tecnici ABA-VB” la quota d’iscrizione è di € 585,00 euro IVA inclusa (€ 479,51+ IVA).

MODULO SU CORSIPERTECNICOABA.IT

Mag
2
gio
2019
(BARI) MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ Istituto Walden
Mag 2–Mag 5 giorno intero
(BARI) MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICI ABA-VB @ Istituto Walden | Bari | Puglia | Italia

BARI dal 2 al 5 gennaio 2019

INFO SUL MODULO 2 DEL CORSO PER TECNICO ABA-VB

Finalità

Al termine del percorso formativo il partecipante sarà in grado di:

a) Conoscere i sistemi di assessment funzionale più progrediti;
b) Conoscere le basi teoriche della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA);
c) Conoscere i programmi d’intervento nelle principali aree di sviluppo;
d) Conoscere l’Assistive Technology e i suoi ambiti di applicazione;
e) Saper intervenire sui problemi gravi di comportamento;
f) Saper condurre sessioni di intervento sulle principali aree di sviluppo;

Contenuti

Il programma si articola nelle seguenti unità di insegnamento-apprendimento così organizzate:

  1. Buone prassi del tecnico ABA-VBL’assessment Funzionale:
    – l’analisi funzionale sperimentale e analoga
    – l’analisi funzionale indiretta

    Training di comunicazione funzionale

    Verbal Behavior
    – i principali operanti verbali, gli operanti misti
    – curricula verbale
    – transfer stimuli

    I sistemi di Comunicazione Alternativa e Aumentativa:
    – I PECS
    – Segni
    – Assistive Technology
    – il Walden PECS Communicator

    Area dello sviluppo cognitivo
    – associazione
    – apprendimento dei concetti
    – abilità cognitive complesse

    Area dell’Autonomia
    – toilet training
    – vestirsi, ecc.

    Abilità sociali

    La relazione scuola famiglia

Attestato di partecipazione

Ai fini dell’attestazione di frequenza dovranno essere svolte tutte le ore. Il partecipante dovrà porre la sua firma in ingresso e in uscita per ogni unità di insegnamento- apprendimento, al termine verrà rilasciato un attestato di frequenza. Tale attestato è il titolo necessario ma non sufficiente per chiedere di sostenere un esame che accerti le competenze acquisite per svolgere funzioni e compiti di Tecnico ABA. Il secondo requisito è quello di svolgere almeno 200 ore di pratica per ogni bambino e con non meno di due diversi bambini.

METODOLOGIA DIDATTICA

La didattica sarà di tipo partecipativo: verranno alternati momenti di relazione-dibattito con esercitazioni pratiche (carta – matita), simulazioni e presentazioni di video.

QUOTA E MODULO DI ISCRIZIONE

La quota d’iscrizione è di € 780,00 IVA inclusa (640,00 euro + IVA).

Promo – 25%

Se hai frequentato il “MODULO 1 (ex base) del Corso per Tecnici ABA-VB” la quota d’iscrizione è di € 585,00 euro IVA inclusa (€ 479,51+ IVA).

MODULO SU CORSIPERTECNICOABA.IT